· 

Il logo, la giusta idea e il suo sviluppo

Come si suddivisono i loghi. Testuali, simbolici, astratti, con le iniziali, emblemi, mascotte.
scheda di sintesi della suddivisione dei loghi

Prima di  tutto è importante capire bene di cosa stiamo parlando:

Il LOGO è IL SEGNO DISTINTIVO di un’azienda, di un prodotto o in senso 

più ampio di un evento.

E' quello che deve sintetizzare in pochi segni e pochissime parole il carattere e lo spirito di quello che stai facendo.

Deve far capire cosa si prova usando i tuoi prodotti, cosa si vive nella tua azienda durante la produzione ma prima di tutto deve trasmettere "INDIMENTICABILI EMOZIONI".

 

 

I loghi si suddividono in: 

TESTUALI : Composti da lettere

SIMBOLICI: Logotipi composti da una scritta +  un simbolo 

ASTRATTI: Composti da un pittogramma (spesso gestuale) 

CON LE INIZIALI: Realizzati con la fusione, la sottrazione o il negativo delle iniziali dell'azienda o del suo fondatore

EMBLEMI: Stemmi

Mascotte: Con un personaggio (spesso animato)

 

 

un logo di qualità deve essere originale, ituitivo, riconoscibile, chiaro, sintetico e durevole nel tempo.
Caratteristiche del logo

Un  logo per poter funzionare correttamente necessita di alcuni requisiti (fondamentali anche per la registrazione):

Deve essere ORIGINALE : mai visto prima

INTUITIVO: deve rifarsi ai valori cosci o inconsci della persona attinenti alla tua azienda, ai tuoi prodotti o ai servizi che desideri rappresentare.

MEMORIZZABILE: Deve essere ricrdato dal tuo target e per tale motivo deve rifarsi sinteticamente al tuo concept di progetto ed incrociarsi con dei valori personali consueti.

RICONOSCIBILE: Diverso dagli altri e facilmente distinguibile per tratto, forma, colore ecc...

CHIARO :  Disegnato sulla base di una grigia geomentrica equilibrata e proporzionata.

SINTETICO :  Semplice, con pochi elementi ben ponderati e dall'alto contenuto semiotico.

DUREVOLE NEL TEMPO : Non deve essere mai obsoleto.

Oltre a quelle elencate sopra esistono anche altre CARATTERISTICHE puramente TECNICHE che servono alla buona riuscita e visibilità del tuo segno distintivo.

Un logo infatti deve essere assolutamente :

PROPORZIONATO: parte scritta e parte simbolica devono essere in equilibrio tra di loro e garantire la visibilità sia a gradissime che a minime dimensioni.

D'IMPATTO SIA IN BIANCO E NERO CHE A COLORI : Di norma i loghi vanno progettati in Bianco e Nero (BN) e negativo bn (negativo bianco e nero)  in modo da poter essere utilizzato anche attraverso canali che non prevedono l'uso dei colori (fotocopiatrici, fax ecc...). 

RIDUCIBILE | SCALABILE:  Durante la fase di progettazione il logo va "pensato" ed ottimizzato con accorgimento Ottici per l'utilizzo in piccole dimensioni (personalizzazione penne o piccoli supporti)  e in enormi dimensioni (pannelli 6 mt x 3, teloni fieristici ecc...).   

 UTILIZZABILE A COLORI E IN NEGATIVO COLORE  :  Il marchio ben progettato può essere utilizzato in bianco e nero o a colori senza perdere il proprio carattere comunicativo e di conseguenza la sua riconoscibilità.

 

manuale d'identità visiva - progettazione logo forio - Ischia
Caratteristiche tecniche di un logo: proporzione aurea, riducibilità, colore, bianco e nero, negativoo colore e negativo BN.
Tavola di riduzione del logo.
Scheda di sintesi di accorgimenti ottici con aggiunta di filettatura in base alla riduzione del logo.

Un'altro valore che deve avere un logo per poter effettuare bene il suo lavoro deve essere quello della  RIPRODUCIBILITA'. 

 

Un buon brand  deve poter essere utilizzato a 360° attraverso tutti i mezzi di stampa  e mezzi multimediali audiovisivi.

 

Deve essere quindi composto da colori non solo scelti con criterio (semiotica dei colori) ma anche tecnicamente "universali". E' buona consuetudine non utilizzare più di 4 colori piatti in un logo, evitare sfumature e  far attenzione che ogni tinta abbia il suo equivalente preciso in  PANTONE, CMYK, RGB E web-SAFE.

 

Ovviamente sono concessi piccoli effetti e variazioni stilistiche in sintonia con la campagna pubblicitaria del momento o periodo in corso...

 

COME ARRIVARE ALLA GIUSTA IDEA E ALLA CREAZIONE DEL TUO CONCEPT DI PROGETTO.

Ma ora arriviamo al dunque, come si raggiunge una buona idea? Alla fine il logo può essere funzionale, ben fatto e anche esteticamente gradevole ma c'è sempre un rischio, questo non può corrispondere ai valori della tua azienda e di conseguenza può trasformare in negative tutte le attività di branding che deciderai d'intraprendere....

Il segreto è quello di seguore tutte le fasi della progettazione passo passo senza trascurare nessun particolare e prenderti il tempo necessario per valutare anche percorsi e idee alternative.